come avviare un birrificio artigianale

Come avviare un birrificio artigianale

Aprire un birrificio artigianale è un sogno accarezzato da molti veri appassionati di birra, tuttavia non è un’impresa così semplice!

Infatti, ci sono moltissimi aspetti da prendere in considerazione prima di poter avviare questo tipo di attività, e spesso il risultato è solo tanta confusione.

Proprio per questo motivo, ci proponiamo di fare un po’ di chiarezza su tutti i vostri dubbi e di illustrarvi come avviare un birrificio artigianale.

Formazione

Partiamo col dire che la passione è un inizio, ma non basta. Se siete davvero intenzionati ad aprire un birrificio artigianale avrete bisogno di una buona formazione.

Questo significa che dovrete compiere degli studi approfonditi per poter acquisire le conoscenze e le competenze di cui necessitate. Ed il modo migliore per farlo è sicuramente quello di frequentare un corso professionale da mastro birraio.

Come avviare un birrificio: aspetti burocratici

La prima cosa da fare, per iniziare, è sicuramente quella di redigere un dettagliato business plan.

Si tratta di uno step fondamentale per avere un quadro completo della situazione generale. Grazie al business plan, infatti, potrete rendervi conto di cosa preventivare e di cosa potete aspettarvi da questa attività.

Dopo aver compiuto questo primo step, dovrete occuparvi di ottenere tutte le autorizzazioni e le licenze necessarie per aprire il vostro birrificio artigianale. Vediamo, dunque, quali sono tutte le procedure burocratiche necessarie:

  • Aprire la Partita Iva
  • Iscriversi al Registro delle Imprese della Camera di Commercio, all’Inps e all’Inail
  • Segnalare al comune l’inizio dell’attività presentando la Scia (Segnalazione Certificata Inizio Attività)
  • Ottenere le certificazioni Sab e HACCP, necessarie per la somministrazione di alimenti/bevande
  • Ottenere il nulla osta sanitario dalla Asl
  • Ottenere la licenza dall’Agenzia delle Dogane

Naturalmente non tutti hanno dimestichezza con questo genere di cose. Per questo motivo, sarebbe consigliabile rivolgersi ad un esperto per ricevere un adeguato e competente aiuto.

Struttura del birrificio

Burocrazia a parte, un altro aspetto fondamentale è sicuramente la scelta del locale per il vostro birrificio.

Questa scelta necessita di un’attenta valutazione sia in termini di zona, che deve risultare idonea e vantaggiosa per la vostra attività, e sia in termini di spazi. Il locale dovrà infatti essere dotato di uno spazio sufficiente per ospitare tutta l’attrezzatura necessaria (ad esempio l’impianto di cottura birra). Inoltre, se progettate di accompagnare il vostro birrificio ad un Brew pub, ovviamente necessiterete di uno spazio anche maggiore.

Quanto costa aprire un birrificio

Abbiamo parlato di corsi, burocrazia e locali… ma ora passiamo all’aspetto economico: quanto costa avviare un birrificio artigianale?

Sicuramente le cifre possono dipendere da diversi fattori e, dunque, possono risultare piuttosto variabili. Tuttavia, considerando il costo del locale, degli impianti di produzione ed imbottigliamento, e con l’aggiunta di spese varie, indicativamente si parla di investimenti iniziali che si aggirano tra i 150.000 e i 200.000 euro.

Naturalmente, ci teniamo a ribadire che si tratta di cifre del tutto indicative. Per questo motivo vi consigliamo di rivolgervi ad un esperto che, non solo sarà in grado di fornirvi numeri più concreti, ma vi informerà sulla possibilità di usufruire di eventuali contributi o agevolazioni.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.